Mauritania

La Mauritania è il paese dei contrasti per eccellenza, sia sul piano umano che su quello culturale, geografico e climatico.
Attraversando la Mauritania da nord a sud, si passa dal deserto del Sahara, costellato da una moltitudine di oasi, paradisi di serenità e lussureggiante vegetazione, verso la savana del Sahel fino ad un clima più umido ai bordi del fiume Senegal.
La Mauritania dispone anche di uno sbocco marittimo sull'Oceano Atlantico, lungo oltre 700 chilometri.
Queste coste sono tra le più ricche al mondo in termini di patrimonio ittico.

Sul piano umano, la Mauritania conta circa 4 milioni di abitanti che rappresentano 4 comunità umane e culturali che coabitano in armonia malgrado le loro differenze linguistiche e di modi di vita: gli Arabi, i Pulhar, i Soninké e i Wolof.
Tutti condividono la stessa religione musulmana di rito sunnita malekite, conosciuto per la sua tolleranza.

Più dell'80% della superficie della Mauritania è ricoperta dal deserto. Solamente le palme da dattero, i dromedari e le capre si sono adattati a questo clima arido i cui prodotti alimentari, da tempi immemorabili, hanno permesso all'uomo di vivere in queste regioni e di mantenere un livello di vita accogliente e ospitale.
I principali alimenti, prodotti e consumati dagli abitanti delle oasi sin dai tempi antichi, sono: i datteri, il latte, i cereali, come il frumento e l'orzo nonchè la carne ovina e camelide.
Più di recente sono coltivate verdure sotto i palmeti, come carote, cavoli e rape.
Il the verde alla menta fresca, prodotto all'ombra dei palmeti, è diventata la bevanda indispensabile del popolo mauritano.

Il pesce e i suoi derivati sono piuttosto conosciuti e consumati da tutte le popolazioni presenti sulle coste, come gli Imraguens. Questi pescatori tradizionali si fanno aiutare dai delfini che deviano i banchi di cefali verso riva, permettendo ai pescatori di gettarsi in acqua e di catturare i pesci nelle reti portate a spalla dagli uomini.  I cefali verranno poi puliti e seccati dalle donne Imraguens. Con le uova prelevate dalle femmine durante la stagione riproduttiva, si produce la bottarga.
Il deserto dei mauri
20-29 Ottobre 2019

Tour di 15 giorni in 4X4 - CHIUSO

Scopri
Arte rupestre antica e moderna
In attesa di conferma

Tour classico

Scopri
Le oasi dell'Adrar
26 Dicembre 2019 - 4 Gennaio 2020

Trekking di 9 giorni - 6 giorni di marcia

Scopri
A pesca nel Banc D'Arguin
Partenze su richiesta

Soggiorno con attività di pesca - 12 giorni

Scopri
Tra oceano e deserto
21 Febbraio - 6 Marzo 2020

Tour di 15 giorni in 4X4

Scopri
Oasi e biblioteche
In attesa di conferma

Tour classico

Scopri
Tra città carovaniere e cultura
10 - 21 Ottobre 2020

Tour di 12 giorni in 4X4

Scopri
Incontro con i beduini
Partenze su richiesta


Trekking di 15 giorni - 12 giorni di marcia

Scopri

Per saperne di più

Chinguitty

Fondata nel 1262, è stata dichiarata dall'Unesco Patrimonio Mondiale dell'Umanità. 
Le sue biblioteche posseggono manoscritti antichi di grande valore.
Insieme a Ouadane, Tichitt e Oualata ospitano a turno il Festival Culturale delle Città Antiche.

Ouadane

Fondata durante il dodicesimo secolo dopo Cristo.
L'oro che proveniva dal Sudan veniva qui raffinato prima di essere trasportato verso l'Europa, in particolare verso le imprese comerciali portoghesi.
Centro culturale il cui splendore competeva con il suo florido commercio, Ouadane è stata dichiarata Patrimonio Mondiale dell'Umanità dall'Unesco.

Tichitt

La città remota, è un'oasi che lotta per la sopravvivenza contro i venti del deserto del Dhar, sin dalla sua fondazione, nel dodicesimo secolo.
Grazie all'energia e alla volontà dei suoi abitanti, Tichitt fu ed è tutt'ora dimora di un alto livello di conoscenza e rappresenta una tappa ospitale delle carovane che viaggiano nel grande Sahara. Nelle sue biblioteche si trovano manoscritti di valore inestimabile,.
Anche questa città della Mauritania è stata dichiarata Patrimonio Mondiale dell'Umanità dall'Unesco

Oualata

La perla del deserto, è famosa per i mosaici con i quali le donne di questa città storica decorano le loro case, sia all'interno che all'esterno.
La città ha conosciuto la sua età dell'oro nel quindicesimo secolo.
Ibn Batouta, celebre esploratore e cronista, l'ha visitata e descritta come un centro di influenza culturale e un florido snodo commerciale tra il Maghreb e l'Africa nera.